Dal dire al fare

Intanto mi scuso per il lungo periodo senza aggiornamenti causato da impegni personali, lavorativi e diciamolo pure un pizzico di svogliatezza. Non è detto che non accada nuovamente pertanto vi invito a leggere la funzione RSS del post precedente per essere aggiornati quando inserisco qualcosa.

Come il titolo del post dice, voglio farvi vedere come ho realizzato il mio contenitore per il compostaggio. Ho voluto realizzarlo con materiali di tipo da giardinaggio perchè facilmente reperibili ed esteticamente sopportabile come risultato finale ma ognuno può realizzarlo come meglio crede purchè rispetti lo schema base (come ho descritto nei post precedenti) che consente il naturale processo di compostaggio.

MATERIALE OCCORRENTE:

1 Vaso di plastica da 50cm

1 Sottovaso adeguato al vaso da 50cm

1 Sottovaso di una misura che consenta di chiudere il vaso come un  coperchio

1 Paio di metri di rete in plastica con la maglia da 8 mm

Cesoie

Trapano con punta da 6mm

Filo metallico per giardinaggio

REALIZZAZIONE :

Inizialmente ho creato una sorta di gabbia circolare che rappresenterà il vero contenitore del compost tagliando prima un disco e poi un rettangolo con la rete a maglie (le misure variano in base al contenitore che avete scelto) e ho legato il tutto con del comunissimo filo metallico per giardinaggio. FOTO 1,2,3

 

 

IM000936.JPG
IM000937.JPG
IM000938.JPG

 

Eccolo inserito all’ interno del vaso (chiaramente l’altezza e quindi la larghezza del rettangolo che taglierete deve essere tale da non superare in altezza il bordo superiore del vaso. FOTO 4

 

IM000939.JPG

Come noterete essendo il vaso non a forma cilindrica si viene a creare, non a caso, un’ intercapedine tra la gabbia e le pareti che aumenterà la capacità di circolazione dell’ aria attraverso il materiale da compostare. Come sapete una buona circolazione d’ aria è fondamentale per la riuscita del procedimento.

Adesso andremo a praticare una serie di fori col trapano e con la punta da 6mm per far si che ci sia una circolazione d’ aria dal basso verso l’alto. FOTO 5

IM000940.JPG

 

Allo stesso modo praticheremo dei fori di aereazione nel sottovaso che svolgerà la funzione di coperchio. FOTO 6,7

 

16092010006.jpg
16092010007.jpg

 

E questo è il risultato finale. FOTO 8

 

16092010008.jpg

Gradevole, no ?

Sempre per garantire un’ aereazione ottimale è opportuno inserire degli spessori di 2 o 3 cm (piccoli blocchetti di legno o piedini di gomma) tra il sottovaso e il vaso.