Cominciamo a compostare

Una volta realizzato il contenitore cominciamo ad utilizzarlo. Ho ribadito piu’ volte che l’aereazione e quindi l’ossigenazione è fondamentale per cui d’apprima andremo a riempire lo spazio che si è creato tra la gabbia/vaso e tra la gabbia/fondo del vaso con del materiale da riempimento grossolano (es. rametti secchi ). Il materiale al fondo eviterà che il compost in formazione andrà ad ostruire i fori di aereazione che abbiamo creato mentre quelli laterali ad evitare che la rete di plastica si deformi man mano che la andremo a riempire. Se abbiamo utilizzato una rete metallica quest’ ultimo riempimento si può evitare.

A questo punto cominceremo ad inserire dentro il contenitore i nostri rifiuti . Ogni volta che peleremo le patate oppure faremo una potatina alle nostre piante (rametti sottili o foglie secche e non) e quindi produrremo scarti sappiamo dove inserirli. Sebbene il sistema consentirebbe di tenere il contenitore anche all’ interno dell’ appartamento, in quanto non si producono cattivi odori, magari inizialmente non lo fate perchè non avendo ancora dimestichezza si potrebbe avere un eccesso di umidità dei rifiuti e qualche cattivo odore si potrebbe verificare (ma  tutto rimediabile). Tra una posa di rifiuti ed un’ altra cospargerete, non necessariamente sempre, una spolverata di terriccio per piante. Il terriccio porta con se la carica batterica giusta affinchè il nostro tipo compostaggio a freddo si attivi piu’ rapidamente e ci eviterà di dover acquistare un attivatore specifico. Successivamente quando avremo già pronto del compost maturo lo potremo utilizzare anche per questo scopo. Un altra funzione che la spolverata di terriccio svolge è quella di creare una barriera, soprattutto nei periodi e climi caldi, tra il compost e gli innocui moscerini della frutta che verranno irrimedilmente attratti soprattutto dall’ odore delle bucce della frutta. Per evitare questo fenomeno si può ricorrere anche sovrapponendo sul compost un foglio di giornale oppure incollando all’interno de coperchio una rete tipo zanzariera.

Non è necessario verificare quotidianamente gli eventi  (sebbene è normale la curiosità dei primi periodi) ma sarebbe buona norma ogni 2 settimane (inizialmente ogni settimana) dare una rimescolata con una paletta da giardiniere o qualsiasi attrezzo adatto per ossigenare il tutto e controllare lo stato di umidità che non deve essere eccessivo ma neanche troppo secco. Nel primo caso andremo ad aggiungere materiale secco tipo foglie secche o cartoncino tipo quello della carta igienica che è molto assorbente (molto utile nei casi disperati la cenere della carbonella o del camino) nel secondo caso vaporizzando acqua (non un’ innaffiatura da far uscire l’acqua dal sottovaso). Per valutare empiricamente il giusto grado di umidità, se tocchiamo con la mano il compost deve essere umido ma non ci dobbiamo bagnare. Se in occasione di questo sondaggio con la mano avvertiamo un leggero calore la cosa è del tutto normale anzi è un buon segno.

Dopo qualche mese dovremmo avere un prodotto con già un buon profumo di sottobosco (foto sotto) che quasi pronto per essere riutilizzato come substrato o come concime per le nostre piante.

 

DSCN2014_0203_214.JPG
DSCN2015_0203_215.JPG

Dal dire al fare

Intanto mi scuso per il lungo periodo senza aggiornamenti causato da impegni personali, lavorativi e diciamolo pure un pizzico di svogliatezza. Non è detto che non accada nuovamente pertanto vi invito a leggere la funzione RSS del post precedente per essere aggiornati quando inserisco qualcosa.

Come il titolo del post dice, voglio farvi vedere come ho realizzato il mio contenitore per il compostaggio. Ho voluto realizzarlo con materiali di tipo da giardinaggio perchè facilmente reperibili ed esteticamente sopportabile come risultato finale ma ognuno può realizzarlo come meglio crede purchè rispetti lo schema base (come ho descritto nei post precedenti) che consente il naturale processo di compostaggio.

MATERIALE OCCORRENTE:

1 Vaso di plastica da 50cm

1 Sottovaso adeguato al vaso da 50cm

1 Sottovaso di una misura che consenta di chiudere il vaso come un  coperchio

1 Paio di metri di rete in plastica con la maglia da 8 mm

Cesoie

Trapano con punta da 6mm

Filo metallico per giardinaggio

REALIZZAZIONE :

Inizialmente ho creato una sorta di gabbia circolare che rappresenterà il vero contenitore del compost tagliando prima un disco e poi un rettangolo con la rete a maglie (le misure variano in base al contenitore che avete scelto) e ho legato il tutto con del comunissimo filo metallico per giardinaggio. FOTO 1,2,3

 

 

IM000936.JPG
IM000937.JPG
IM000938.JPG

 

Eccolo inserito all’ interno del vaso (chiaramente l’altezza e quindi la larghezza del rettangolo che taglierete deve essere tale da non superare in altezza il bordo superiore del vaso. FOTO 4

 

IM000939.JPG

Come noterete essendo il vaso non a forma cilindrica si viene a creare, non a caso, un’ intercapedine tra la gabbia e le pareti che aumenterà la capacità di circolazione dell’ aria attraverso il materiale da compostare. Come sapete una buona circolazione d’ aria è fondamentale per la riuscita del procedimento.

Adesso andremo a praticare una serie di fori col trapano e con la punta da 6mm per far si che ci sia una circolazione d’ aria dal basso verso l’alto. FOTO 5

IM000940.JPG

 

Allo stesso modo praticheremo dei fori di aereazione nel sottovaso che svolgerà la funzione di coperchio. FOTO 6,7

 

16092010006.jpg
16092010007.jpg

 

E questo è il risultato finale. FOTO 8

 

16092010008.jpg

Gradevole, no ?

Sempre per garantire un’ aereazione ottimale è opportuno inserire degli spessori di 2 o 3 cm (piccoli blocchetti di legno o piedini di gomma) tra il sottovaso e il vaso.